www.spilambertonline.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Artisti contemporanei Spilambertesi

Alessandro Giusti Artista Spilambertese

Alessandro Giusti nasce a Modena il 22 novembre 1961.
Artista poliedrico, pittore, scultore, designer, impiega i suoi primi quarant'anni tra studio e conoscenza di varie arti e mestieri. Lavora in un piccolo studio nel centro storico di Spilamberto dove, oltre ai quadri, esegue disegni per gioielli, realizzandoli interamente a mano come unico esemplare; si occupa inoltre di restauro di chiese e monumenti antichi.

Notte Lucente Alessandro Giusti

Ha collaborato come esperto di applicazioni artistiche con scuole della provincia di Modena e con ceramiche del comprensorio di Sassuolo, diventando titolare di alcuni brevetti di processi produttivi.
 Ha partecipato a collettive ed estemporanee: ha esposto in personali ottenendo diversi riconoscimenti e premi individuali.
Alessandro Giusti

Pensiamo che, sarà senza dubbio piacevole, per i lettori, lasciare alle parole del Professor Benedetto Benedetti la presentazione dell'artista:

"Per un "vecchio" Scolaro
Spilamberto, dicono, è un paese "diverso"; io penso che sia vero e spero anche continui a restarlo ripudiando la tentazione di farsi chiamare città anche se, per secoli, fu "capitale" di un importante feudo governato da una delle più antiche famiglie della nobiltà italiana. C'è qualche segno di questa diversità? Due parrocchie, sei chiese, quattro campanili, due conventi, una "sezione" del tribunale dell'Inquisizione, nella ristretta area di un paese; "diversa" anche l'ubicazione fino all'antichità perché al centro di un’area che ha testimonianze archeologiche che possiamo quasi definire uniche: a Collecchio è stato raccolto uno strumento di pietra silicea fatto 300 mila anni fa, dal padre degli artigiani spilambertesi, conservato al Museo archeologico di Modena; sull'altra sponda del Panaro fu ritrovata nel 1926 la celeberrima "Venere di Savignano ", una delle rare sculture di età glaciale conosciute in Europa; a Castelvetro fu scavata un'importante necropoli etrusca; un insediamento della tarda Età della pietra è venuto in luce nel greto del fiume, fra Spilamberto e San Cesario.
Cosa c'entra tutto questo con la pittura di Alessandro Giusti? Io penso che possa entrarci. La più antica storia di un luogo concorre, nei tempi lunghi, alla formazione non solo dell'ambiente ma anche della cultura e del costume, tramandati dalle comunità che in luogo vissero. A Spilamberto ci deve essere sempre stata gente che, a sue spese, si dedicava a cose belle, divertenti, anche inutili. Erano fatti così, ogni opera della mano e dell'ingegno, anche se di poco conto, doveva essere bella.
Poi c'era l'orgoglio - paesano se volete, ma irrinunciabile - di avere una corale brava, una buona banda, dei brillanti teatranti; l'artigiano si sentiva un artista e spesso lo era, cosi si fecero gli arredatori, i mobilieri (e anche gli allevatori di colombi viaggiatori, di canarini, di spinoni).
La vita di questo mondo di appassionati autodidatti, quella della due parrocchie "l'una contro l'altra armata", entrava, con i ragazzi, nella scuola e alcuni studenti, pochi, ne sentivano il fascino; fra questi c'era Alessandro.
Ecco perché non mi meravigliai quando lo seppi impegnato per la conquista di un posto nella foresta "aspra e forte" dell'arte e dell'artigianato artistico.
Un giudizio sull’opera di pittore non mi compete: non sono un critico d’arte. Credo però di poter dire che questo mio scolaro è un tipico frutto dell'anomala cultura di una "Comunità" che ha sempre amato le sue feste, le sue chiese, le sue contrade, i suoi costumi, le sue opere d’arte più del denaro e degli affari; tant'è vero che si rovinò finanziariamente nel 1600 per pagare un quadro. Era un capolavoro del più celebre pittore del secolo, quella "Assunta" che Guido Reni aveva dipinto per la chiesa di Santa Maria degli Angeli, innalzata in quegli anni.
Ebbene, quel quadro, ora conservato nel grande museo di Monaco di Baviera, venne a costare quanto la chiesa.

Benedetto Benedett
i"

Alessandro Giusti



Alessandro Giusti vive e lavora a Spilamberto (MO), via Tagliamento 14.
Studio-laboratorio: via San Giovanni 13 -
41057 Spilamberto (MO) - ITALY

Tel. 338 6070260

e.mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Alessandro Giusti

MOSTRE PERSONALI

12-19 maggio 1999
MODENA, presso il Paradisino
Mostra di quadri e poesie “LUCI DELLA NOTTE”
con il patrocinio del Comune di Modena.

1-10 giugno 1999
MODENA – Circolo Ippico Club Europa 92
Nell’ambito del “PAVAROTTI INTERNATIONAL 99”

14-24 dicembre 2000
SAN CESARIO SUL PANARO - Villa Boschetti
Mostra pro ANT (Ass.ne ONLUS)
con il patrocinio del Comune di S.Cesario s.P.

1-30 ottobre 2001Alessandro Giusti
MODENA – Circolo Ippico Club Europa 92

16 febbraio - 3 marzo 2002
SPILAMBERTO (MO) - Villa Comunale FABRIANI

Ente Promotore Comune di Spilamberto -
Assessorato alla cultura

Aprile 2003
MODENA - Ex Chiesa San Paolo

16 aprile - 1 maggio 2005

PIETRASANTA (LU) – Chiostro di Sant’Agostino, Sala delle Grasce
Ente promotore Comune di Pietrasanta con il patrocinio
del SENATO DELLA REPUBBLICA

2007
MILANO - Cow Parade Milano 2007

 

 

 

 


Alcune opere di Alessandro Giusti:

 

Alessandro Giusti

 

Video su Spilamberto



Get the Flash Player to see this player.

time2online Extensions: Simple Video Flash Player Module

Attività a Spilamberto

Shopping a Spilamberto - Scopri tutte le attività, i negozi, gli artigiani, le ditte del paese!
Shopping a Spilamberto - Ricerca attività
Onoranze funebri a Spilamberto - Servizio continuo 24 su 24

Vetrine in primo piano