www.spilambertonline.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Mercato degli animali di bassa corte

Antico Mercato degli animali di bassa corte

Fochetti Anna


A cura di Anna Fochetti
La storia di questo particolare mercato si perde nel tempo, esistono però nell'archivio storico tracce che fanno risalire questo tipo di commercio al 1500;

Per tornare in tempi più recenti, nel 1952 il Consiglio Comunale stabiliva l'istituzione di un mercato infrasettimanale nella giornata di giovedì, successivamente variata al mercoledì.
Questa isitituzione di fatto regolarizzava il Mercato che si svolgeva alla domenica mattina e dove insieme ad altre merci commercializzate esisteva anche questo particolare interscambio fra allevatori e amatori soprattutto di colombi da allevamento, da tiro e conigli.

La giornata di giovedì poi cambiata con il mercoledì, di fatto non permetteva agli allevatori ed amatori di piccoli animali di parteciparvi, in più, il commercio ambulante disciplinato dal T.U.L.P.S., non era commercio qualificato come ai giorni nostri infatti, non era una licenza bensì un semplice certificato di iscrizione nei mestieri girovaghi al quale potevano accedere persone in difficoltà dato che non erano richiesti particolari requisiti ma solo il possesso della carta d'identità.

Nel corso degli anni questo commercio, al quale nessuno aveva dato importanza, ha creato una rete distributiva che eguaglia il commercio in sede fissa e lo Stato ha sentito l'esigenza di regolamentare con Leggi specifiche succedute nel tempo, fino all'emanazione della Legge 112/91, che ha cambiato anche il nome: non più "ambulante" ma "commercio su aree pubbliche".

Questa premessa era necessaria per capire che al pari con le norme il Mercato settimanale del Comune si adeguava, ma gli allevatori ed amatori dei piccoli animali continuavano a riunirsi la domenica mattina per uso e consuetudine e, dopo varie richieste, il Prefetto, allora competente, dava esecuzione alla delibera del Consiglio comunale, istituendo con Decreto datato 3/11/1966 il Mercato dell'Interscambio di Colombi, Piccioni e Conigli da tenersi alla domenica mattina senza stabilire l'esatta ubicazione. Nel corso degli anni e secondo le esigenze, le Amministrazioni del Comune di Splilamberto hanno cercato sempre di trovare un'area adatta a questo tipo di Mercato, fino ad arrivare in tempi recenti all'area adiacente la piazza Leopardi - Zona PEEP.

Alla luce della già citata normativa ora in vigore, regolarizzare a tutti gli effetti questo Mercato che di fatto non lo è, sarebbe un grosso problema. Se considerato Mercato Infrasettimanale potremo ottenere, visto che può considerarsi storico, il permesso dalla Regione ad effettuarlo ancora la domenica e non potremo fare alcuna limitazione sulle merci vendute, dovremo delimitare l'ampiezza dell'area e suddividerla inposteggi riservandone alcuni per i produttori agricoli in quanto i prodotti derivanti dall'agricoltura non sono solo quelli ottenuti per coltura ma anche per allevamento, quindi a qualche allevatore con regolare certificato di produttore agricolo potrebbe essere assegnato un posteggio, gli altri posteggi dovrebbero essere solo ed eesclusivamente ai titolari di Autorizzazione per il Commercio su Aree Pubbliche e dato che questo particolare mercato non è frequentato da commercianti muniti di regolare Autorizzazione, l'assegnazione sarebbe fatta dalla Regione e il comune dovrebbe poi applicare la TOSAP come da regolamento.

Fochetti Anna

 

Video su Spilamberto



Get the Flash Player to see this player.

time2online Extensions: Simple Video Flash Player Module

Attività a Spilamberto

Shopping a Spilamberto - Scopri tutte le attività, i negozi, gli artigiani, le ditte del paese!
Shopping a Spilamberto - Ricerca attività
Onoranze funebri a Spilamberto - Servizio continuo 24 su 24

Vetrine in primo piano